Come comunicato la scorsa settimana nell'incontro del Gruppo Internet con i genitori delegati di tutte le classi della scuola, nella seconda metà del mese di febbraio inizierà la parte rivolta ai ragazzi del progetto per la promozione di un uso consapevole di internet e degli strumenti multimediali, finanziato dal Comune di Parma (all'interno del Bando "Le famiglie nel quartiere") e realizzato in collaborazione con i formatori dell'AUSL, coordinati da Antonio Restori e Valentina Nucera. L'obiettivo degli incontri sarà quello di rendere i ragazzi maggiormente consapevoli delle potenzialità e dei rischi legati all’utilizzo del mezzo. 

Si rifletterà sulle differenze tra identità virtuale e reale, sulla propria rete amicale, sui bisogni che internet e i social network soddisfano, come l'omologazione, l'autostima, il bisogno di approvazione da parte dei pari e il consenso sociale. Saranno inoltre affrontati i temi legati alle problematiche contemporanee del cyberbullismo, della dipendenza dai social network e del mondo affascinante rappresentato dal mondo virtuale. 

Le metodologie formative impiegate saranno sia di tipo frontale che informale, come ad esempio, le riflessioni di gruppo, il role-playing, le simulate e la visione di documentari.
Al termine del percorso si prevede di produrre un elaborato (la cui forma sarà decisa dai ragazzi in base alle risorse che vorranno mettere in gioco) rappresentativo delle principali riflessioni emerse durante gli incontri, e che possa essere usato come traccia di orientamento per i ragazzi del nostro Istituto.

Fasi del progetto:

  • 14-15/2: selezione di un gruppo di 14 leader (7 di seconda e 7 di terza)
  • 22/2 - 19/4: 8 incontri formazione del gruppo dei leader (2 in orario scolastico e 6 il venerdì pomeriggio dalle 14.00-15.30
  • 22/4 - 3/5: incontri di restituzione in tutte le classi
  • maggio: incontri finali del gruppo dei leader per la realizzazione del prodotto finale
  • giugno: restituzione in plenaria

I formatori che interverranno nelle classi sono Marco Camorali e Sara Malagoli. La referente organizzativa del progetto per la scuola è la prof.ssa Stefania Rastelli.